cane6

Naso secco nel cane: quando non preoccuparsi

Naso secco nel cane, non è per forza motivo di allarme, non lo deve essere e dopo questa lettura non lo sarà. O meglio, capiremo come e quando è normale che lo sia e quando invece, in caso di naso secco nel cane, è meglio ricorrere al veterinario. Deve essere subito chiaro che il naso secco nel cane non significa necessariamente che sia malato. Esistono molte ragioni banali per cui ciò accade e non sono problemi di salute bensì occorrenze.
In estate fa caldo ed è piuttosto normale che il cane, magari steso al sole o in un ambiente in cui non circola aria, mostri il naso secco. In questo caso, quando la causa è il sole, le razze con il tartufo chiaro o rosa, sono più colpite, un po’ come le pelli chiare rispetto alle olivastre in noi umani sono più soggette a scottature.
Sotto il sole il naso secco nel cane è abbastanza normale e può essere accompagnato da screpolature o colpi di sole. In questo caso va protetto con una crema dermatologica adeguata.
E’ necessario controllare che il naso secco nel cane non sia accompagnato da altri sintomi più significativi e riconoscibili, che possono essere legati a degli espliciti problemi di salute. Se il nostro cane si mostra particolarmente e stranamente stanco, con il naso secco, oppure non ha tanto appetito, è meglio rivolgersi ad un veterinario per capire cosa c’è sotto. Lo stesso se vediamo che ha disturbi gastro-enterici, oppure se, osservando il tartufo, notiamo croste o macchie. Possono esserci motivi altrettanto banali ma, nel dubbio, meglio che il nostro cane sia guadato da un occhio esperto. A volte i piccoli segnali aiutano a prevenire cose grosse, a volte i piccoli segnali restano piccoli segnali. Presso l’ambulatorio Veterinario del Dr. Marcello Benvenuti in via Cesenatico 4020 a Cesena potete approfittare per avere una consulenza specializzata.
Se il vostro cane soffre di qualche allergia, può essere comune che mostri anche secchezza nasale allora potrebbe essere estremamente utile sterilizzare i suoi indumenti ed accessori e a tal proposito vi consigliamo di rivolgervi ad una lavanderia specializzata in tale tipologia di servizio come la Lavanderia a gettoni Le Vigne a Cesena in Piazza dei Partigiani 9.

pappareale2

Il Miglior tonico naturale per gestire al meglio la temutissima sindrome da rientro

I rientri, in particolare, sono i peggiori nemici e allora già prima di partire sarebbe buona norma distrarsi con qualcosa di gradevole e rinviare l’apertura del ciclo del ritorno. Così i giorni precedenti alla partenza possono essere spesi per fare una lista delle cose belle che la vacanza ci ha regalato, pensare alle cose positive della quotidianità, e non solo a quelle negative, ad una motivazione valida che ci spinga a vivere la vita di tutti i giorni in maniera serena.
Nelle settimane appena dopo il rientro dalle vacanze, si accumula molto stress: reimpostare il lavoro e la vita familiare richiede di solito uno slancio che la mente riposata fatica a ritrovare. Aiutatevi con la pappa reale, un eccezionale rimedio naturale per riprendere energia e anche per rafforzare l’organismo prevenendo così i malanni autunnali. Apprezzata fin dall’antichità, la pappa reale favorisce infatti la produzione di emoglobina, combatte la depressione e i sintomi dell’affaticamento e preserva la memoria.
La pappa reale è un alimento nobile già dal nome e dalle origini: all’ape e possiamo considerarla un elisir naturale, dalle alte proprietà nutritive, consigliata dai pediatri anche durante l’infanzia.
La pappa reale ha un forte contenuto energetico: per questo, è particolarmente indicata nei periodi di studio e di attività lavorativa intensa, per combattere stanchezza cronica e stati di astenia, sintomi depressivi e ansia e per stimolare la memoria
Oltre ai rimedi naturali per gestire al meglio la sindrome da rientro per esempio possiamo fare un po’ di movimento, considerando che in inverno ne facciamo molto poco, oppure possiamo coltivare qualche nuovo hobby come quello del giardinaggio che si fa molto volentieri durante la bella stagione.
Tuttavia se proprio non riusciamo a trovare il giusto equilibrio e le forze per affrontare i problemi d i tutti i giorni neanche con alcuni rimedi offerti dalla natura o con lo sport, allora poterebbe essere molto utile l’aiuto di un psicologo, a tal proposito vi suggeriamo alcuni professionisti a cui potete rivolgervi in Emilia Romagna, come alla Dott.ssa Elisa Magnanensi Psicologa e Psicoterapeuta di Ravenna, oppure al Dott. Fabio Molari psicologo-psicoterapeuta di Cesena, o alla Dott.ssa Monica Mambelli psicoterapeuta di Forlì.

Smiling dentist and nurse speaking with their patient in dental clinic

Quando la paura del dentista diventa una vera e propria malattia

L’appuntamento con il nostro dentista, anche se di fiducia, difficilmente viene vissuto come un momento piacevole della nostra giornata. Questo accade soprattutto se non ci troviamo nello studio per una semplice visita di controllo, ma piuttosto per una carie, un’estrazione o un intervento più complesso. Così la paura di avvertire dolore comincia a farsi strada e il desiderio di sfuggire all’appuntamento sempre più forte.
Un po’ tutti abbiamo conosciuto questo genere di ansia, ma per alcuni la paura è diventata una vera e propria patologia, che prende il nome di odontofobia. L’odontofobico manifesta paura nei confronti di tutto ciò che può essere associato al dentista o ad un centro odontoiatrico, passando da tachicardia, sudorazione, fino ad arrivare a veri e propri attacchi di panico.
Ecco perché l’odontofobico mette in atto una serie di strategie che hanno lo scopo di evitare queste situazioni. Fra queste c’è ad esempio la tendenza a rimandare continuamente l’appuntamento o ad evitare argomenti che facciano riferimento alla condizione che genere ansia, o ancora l’assunzione di farmaci e antibiotici con lo scopo di auto-medicarsi. Cosa accade invece se l’odontofobico si trova in uno studio dentistico?
In questo caso la persona cerca di esercitare un controllo sulla propria paura, mettendo in atto una serie di comportamenti, che finiscono per provocare l’effetto opposto. L’odontofobico, ad esempio, si presenta in anticipo ad un appuntamento, in modo da mettere in difficoltà il personale, oppure focalizza la propria attenzione su ogni piccola sensazione, con il rischio di amplificarla e aumentare la percezione del dolore stesso.
Innanzitutto occorre informarsi il più possibile sulle cure dentali che si è in procinto di fare: è infatti proprio ciò che non si conosce a spaventarci di più. Inoltre, può essere d’aiuto programmare con il proprio dentista di fiducia un calendario di visite da fare, in modo da avvicinarsi gradualmente alle proprie paure.
L’obiettivo principale di uno studio dentistico deve essere quello di instaurare con il paziente un rapporto di fiducia con lo scopo di creare un clima di cordialità e collaborazione, condizione essenziale per permettere al paziente di descrivere con tranquillità i propri problemi e sintomi. Un ambiente tranquillo e sereno ed una comunicazione accurata e personalizzata con il paziente sono le basi per vincere la cosiddetta “paura del dentista”.
Se anche voi rientrate nella categoria degli odontofobici allora vi consigliamo di rivolgervi a studi specializzati nella cura di pazienti con tale paura, come lo Studio dentistico Dott. Paolo Paganelli Dott. Cristina Candoli a Cesena, oppure presso lo Studio Dentistico Gaudenzi di Forlì, o ancora presso Gli studi odontoiatrici del dr. Pier Carlo Frabboni di Faenza.

LIBRI6

Se siete dei veri e propri appassionati della lettura, non potete non ignorare il bookcrossing balneare

L’estate da sempre rappresenta il momento in cui anche i meno amanti della lettura si avvicinano ai libri, fosse anche solo per evitare le proposte ricreative degli animatori da spiaggia.
Avere la possibilità di trovare libri in spiaggia pronti a circolare è un’opportunità non solo per i librofili, ma anche per chi è alla ricerca di un relax alternativo all’acquagym da spiaggia. Se state trascorrendo le vostre vacanze in Romagna e desiderate intrattenere anche i vostri bimbi, allora non potete perdervi l’evento “Leggi un libro in riva al mare” proposto dalla biblioteca comunale A. Panzini a Bellaria Igea Marina, in collaborazione con il Polo Est 3.0 e con la partecipazione delle Lettrici volontarie, che organizza quattro imperdibili appuntamenti di letture dedicate ai bambini da 0 a 6 anni: 21 e 28 Luglio, 11 e 18 Agosto, dalle 9.00 alle 10.15.
Se poi siete dei veri e propri appassionati della lettura, non potete non ignorare una delle mode degli ultimi anni, ovvero quella del bookcrossing balneare, ovvero il nome di un’iniziativa che finalmente sembra prendere piede anche in Italia dopo aver già spopolato nelle nazioni anglofone, in special modo negli States, ma anche in Germania e nei paesi scandinavi.
Non solo è sempre più diffusa anche la moda di scambiarsi sulle spiagge libri usati, una iniziativa perfetta per far conoscere al mondo un libro ritenuto particolarmente bello, legando così la passione per la lettura e per i libri alla passione per la condivisione delle risorse e dei saperi.
Per prendere parte a questa nuova moda l’ideale è acquistare libri usati; sono tanti i negozi dove potete trovarli, come ad esempio i vari mercatini specializzati proprio nella compra-vendita di oggetti usati, tra cui anche i libri, come il mercatino dell’usato di Forlì Rovistiamo nell’usato oppure al Mercatino dell’usato da Pagnoc a Rimini, oppure alla La Soffitta di Petronilla di Morciano di Romagna.
Infine, il mercatino del libro usato è un tempio del lettore: nove volte su dieci si trova il testo di cui si ha bisogno che è fuori catalogo da anni, oppure ci si innamora di uno scrittore che si è solamente sentito nominare e che si ha finalmente l’occasione di leggere perché il suo libro capita casualmente tra le mani.

unghie3

Unghie estive: tantissimi trend super colorati e di effetto

Le vacanze si avvicinano e con loro anche quel senso di libertà al quale nessuno può rinunciare. Oggi scopriremo insieme tutto sulle unghie estive con tantissime nail art d’ispirazione e prodotti da avere assolutamente.
Esistono tantissimi brand diversi che promettono l’impossibile ma, quelli che se la cavano veramente, sono fondamentalmente tre: LCN per quanto riguarda il lato professionale, Estrosa per quanto riguarda le unghie professionali da fare a casa ed è perfetto per chi ama il fai da te e vuole esercitarsi senza danni e Kiko per tutti quei colpi di testa e decorazioni che vogliamo durino al massimo tre giorni.
Ma quali sono i trend per le unghie estive 2017? Sono davvero tantissimi, quasi infiniti, eccone alcuni interessanti: I colori ispirati al Giappone sono il trend principale dell’estate e ne esistono tantissime collezioni diverse, se non li ami particolarmente qui trovi tutti i colori moda estate 2017.
Ad accompagnare smalti dalle sfumature nude, ritroviamo inoltre colori insoliti: il rosso scuro e il blu, anche nelle sue sfumature più dark. Blu navy, blu elettrico, blu notte e blu pavone si alternano alle sfumature di rosso che vanno dal bordeaux al color mattone. Infatti, se il blue è il nuovo nero diventando il lato oscuro della bellezza, il rosso mantiene il suo primato di smalto sexy e classy.
Dal Giappone al fluo, anche i colori extrastrong dettano moda, ma se non ami i colori accesi allora puntate tutto sulla cuticle nail art, perfetto a tutte le età.
Se vi è venta voglia di scoprire e provare sulle vostre unghie i trend della Primavera-Estate 2017 allora potete rivolgervi al Centro Estetico Bellezza e Armonia di Riccione, oppure al centro estetico Estetica in Primo Piano di Forlì, o al Giardino del Benessere di Rimini.

agopuntura 5

Le evidenze scientifiche dell’agopuntura

L’Agopuntura intesa nel contesto della Medicina Tradizionale Cinese può essere considerata a ragione come una tecnica terapeutica di per sé quasi completa, in grado di apportare beneficio a numerosissime patologie. I testi classici cinesi antichi e moderni contemplano moltissime applicazioni efficaci delle tecniche agopunturali tradizionali e l’esperienza clinica dei numerosi cultori di questa tecnica terapeutica in tutto il mondo è una riprova continua della bontà delle intuizioni millenarie dei medici cinesi.

In Occidente da parecchi anni l’Agopuntura è messa al vaglio dalla medicina ufficiale e sono numerosissimi gli studi pubblicati sulle sue più diverse applicazioni. Nelle banche dati scientifiche addirittura i lavori sull’Agopuntura superano per numero quelli sull’Omeopatia.  Pur mancando ancora studi attendibili su tutte le applicazioni, sono state ormai accertate le virtù dell’Agopuntura in alcuni campi specifici.

Le applicazioni cliniche dell’Agopuntura riconosciute efficaci dalla comunità scientifica riguardano generalmente gli effetti della stimolazione di uno specifico agopunto, anche se nella tradizione cinese vengono utilizzati più punti combinati secondo precisi criteri di sinergia. In particolare è provata l’efficacia su alcune patologie.

La nausea e il vomito legati alla gravidanza, al decorso postoperatorio o alla chemioterapia antitumorale, rispondono molto bene all’Agopuntura su un punto del braccio, chiamato in cinese neiguan (PC6 secondo la nomenclatura OMS), come è stato riconosciuto anche dalla FDA (Food and Drug Administration) americana, l’organismo preposto alla valutazione dell’efficacia e della sicurezza dei farmaci e delle tecniche terapeutiche.

Diversi punti vengono utilizzati singolarmente o associati per ottenere un effetto di analgesia, utilizzabile anche per un’anestesia in corso di chirurgia o per attenuare i dolori del travaglio di parto. Tecniche agopunturali quali l’Agopuntura auricolare sono da tempo utilizzate con successo tramite protocolli ben sperimentati nella disassuefazione dal fumo di sigaretta e nelle tossicodipendenze.

Oltre a queste indicazioni convalidate, esistono numerose evidenze, al momento indagate attraverso progetti di studio in parecchi paesi, dell’efficacia dell’Agopuntura in patologie quali la lombalgia, le sciatalgie, la cefalea, la nevralgia del trigemino, l’ipertensione arteriosa, i disturbi del climaterio, i disturbi del ritmo mestruale, i disturbi del sonno. I dati che provengono da questi studi condotti in Italia e all’estero sono molto incoraggianti e confermano che non si tratta soltanto di una tecnica antalgica (ambito nella quale spesso viene confinata), ma di un approccio terapeutico capace di regolare profondamente la fisiologia dell’organismo umano.

L’Agopuntura si pone oggi come un promettente e sicuro strumento terapeutico. E’ comunque di primaria importanza rivolgersi sempre a medici di provata esperienza e che abbiano seguito un iter formativo specifico e se vi trovate in Romagna potete recarvi ad esempio presso la Fondazione Flaminia – Agopuntura a Ravenna, oppure presso il Poliambulatorio Omnialab a Forlì che esegue anche prelievi del sangue, o ancora  a Santarcangelo presso Il Poliambulatorio RIMEDICAL.

bicicletta

Il 29 Giugno in piazza Saffi a Forlì ritrovo per una pedalata di circa 20Km alla volta del centro di Forlimpopoli

In occasione della Festa Artusiana tanti saranno gli eventi in programma tra cui quello organizzato dal  MAF-Museo Archeologico “T. Aldini” di Forlimpopoli, che offre al pubblico della straordinarie aperture in orario serale, oltre ai consueti orari di visita.

Tra le iniziative in programma visite guidate gratuite a tema e degustazione di vino delle cantine del territorio e Forlimpopoli da assaggiare, un’insolita passeggiata alla scoperta dei principali monumenti della città con degustazione di prodotti tipici. E ancora due conversazioni tematiche accompagnate da degustazioni in compagnia del cuoco Claudio Cavallotti e dell’archeologo Giuseppe Lepore, laboratori didattici per ‘giocare’ con l’archeologia, laboratori artigianali di tessitura e stampa su tela.

Sempre in occasione della Festa Artusiana, grazie alla mostra “L’antico e la modernità” della pittrice forlivese Miria Melandri l’arte contemporanea fa il suo ingresso al MAF, secondo un programma di divulgazione e di promozione già avviato dal Museo che si fonda anche sulla più felice ‘contaminazione’ della struttura museale con la realtà del nostro tempo e le sue multiformi espressioni culturali e artistiche.

La Festa Artusiana, inoltre,  si conferma crocevia di sapori di diverse parti del mondo. In questa edizione saranno presenti importanti realtà del nostro paese, insieme agli amici artusiani da oltreconfine: i francesi di Villeneuve Loubet patria natale del grande Escoffier e dei Pays Beaujolais con la loro cucina e pasticceria della regione Rhone-Alpes e il mercato contadino della città austriaca di Traun.

La collaborazione tra il comune di Forlimpopoli e la cittadina francese di Villeneuve Loubet suggellerà il legame di amicizia sabato 1 luglio alle 18,00 alla Chiesa dei Servi. Nell’occasione i sindaci di Forlimpopoli Mauro Grandini e di Villeneuve Loubet Lionnel Luca si incontreranno per festeggiare il XVII anniversario di gemellaggio.

Oltre a questi eventi culturali e gastronomici è prevesto anche anche un evento di carattere soprtivo, ovvero una pedalata di circa 20Km con partenza alle ore 19 di Giovedì 29 Giugno da piazza Saffi, lato Eataly ed arrivo nel centro di Forlimpopoli con cena libera presso gli stand gastronomici presenti all’interno della festa Artusiana.

In occasione di tale evento vi consigliamo un piccolo aperitivo prima di partire alla volta di Forlimpopoli e dei suoi stand gastronomici, ad esempio fermandovi a gustare qualcosa di sfizioso nei pressi di Piazza Saffi e che vi possa dare la carica necessaria, ad esempio presso Lemure Caffè, oppure presso il Caffè del Teatro o da Saffi 25 uno tra i bar più amati in centro a Forlì.

running forli

Forlì, 10 Giugno: Scopri tutti i benefici del running

La corsa è lo sport amatoriale più praticato al mondo. Solo in Italia sono circa un milione i cittadini, sia uomini sia donne, praticano running regolarmente per tenersi in forma. Perché correre non fa bene solo al corpo, ma anche alla mente. Sono decine, ormai, gli studi scientifici che attestano i benefici di questa pratica, considerata dagli esperti una delle più efficaci nella prevenzione e nella cura di diverse malattie cardiovascolari, prevenzione dell’obesità, miglioramento del benessere psicologico, abbassamento della pressione, prevenzione dei tumori. Ma anche come supporto a regimi alimentari ipocalorici.

Per mantenersi in forma non è necessario spingersi a performance agonistiche. È sufficiente correre fra una e due ore e mezzo a settimana, con il giusto ritmo senza strafare. L’ideale, alla fine di ogni allenamento, è sentirsi un po’ affannati. Niente di più. Già questo può aumentare le aspettative di vita e mantenere il fisico in perfetto stato.

Prima di tutto, è consigliabile una visita di controllo dal proprio medico di base per capire se le vostre condizioni di salute siano ottimali per iniziare l’allenamento. Poi è necessario comprarsi un paio di scarpe specifiche per la corsa. Se avete bisogno di consigli pratici e suggerimenti, vi consigliamo di navigare in internet e leggere attentamente i blog specializzati nel running , uno dei più cliccati è RunLovers, in cui vi sono guide all’acquisto, diete per gli sportivi e news dal mondo dei corridori”.

Sabato 10 Giugno tutti gli appassionati della corsa, ma anche chi vuole avvicinarsi per la prima volta a questa disciplina, possono presso il punto vendita della Catena Tie Break di Viale Vittorio Veneto 39 a Forlì confrontarsi con un esperto per avere un consiglio su come praticare questa disciplina al meglio.

La miglior cosa che potete fare è allenarvi in mezzo alla natura, come ad esempio correre all’interno del Parco Urbano “Franco Agosto” di Forlì del Tre sono le caratteristiche che fanno del Parco urbano ‘Franco Agosto’ di Forlì, un’area verde unica nel suo genere: la sua collocazione nel tessuto urbano immediatamente a ridosso della vecchia cinta muraria del centro storico; l’area ricopre una superfice di 26 ettari delimitata dal fiume Montone. E’ adiacente ad un’altra ampia superficie verde che circonda l’ospedale Pierantoni costituendo con essa un unicum di verde attrezzato.

Tutto è stato studiato nei dettagli: dal tipo di piante alla loro messa a dimora, al percorso dei vialetti alla collocazione delle panchine, dalla morfologia del terreno alla fitta rete sotterranea per l’irrigazione e per tutte le canalizzazioni di servizio. I vialetti interni, popolati da numerosi conigli liberi, e il percorso ad anello che circonda il parco sul lato del fiume Montone, sono frequentatissimi dai forlivesi, sia in bicicletta che per il running.

L’area dispone di un laghetto con oche e anatre in libertà, un centro sportivo con campi da basket, calcetto, beach volley, bocce e un maneggio. Inoltre spazi attrezzati per i bambini con castelli gonfiabili e altri giochi, percorso vita e punti di ristoro: bar, chiosco della piadina e il Peter Pan, ideale per pranzi di gruppo e cerimonie e che arricchiscono l’offerta del parco forlivese.

bitcoin

Il Bitcoin: la moderna “criptomoneta”

I Bitcoin circolano solo su Internet secondo regole prestabilite da un gruppo di persone, che agiscono in base al protocollo di Satoshi Nakamoto, che nel 2008 ha ideato la criptovaluta. La valuta è distribuita come un software da installare in un certo numero di computer per poter poi operare da remoto.

Più in dettaglio, il Bitcoin è un sistema per produrre e scambiare la moneta virtuale con il software apposito che funziona sulla base di un protocollo peer-to-peer, simile ai sistemi utilizzati per scaricare e condividere i file online, in cui ogni computer diventa un nodo della rete come gli altri: è in questa fase che avvengono “conio” della moneta e transazioni. Non c’è nessuna banca centrale, nessun tracciabilità dei “movimenti” e nessuna tassa da pagare.

Il Bitcoin ha raggiunto un nuovo picco di valutazione dopo l’attacco del 12 maggio scorso da parte di un gruppo di hacher. La cryptovaluta ha dato vita ad un vero e proprio sali scendi che nell’ultimo periodo ha visto la quotazione salire oltre i massimi storici di 2.000 dollari.

Tuttavia tale moneta ha ancora molte limitazioni, ad esempoio non è possibile utilizzare i Bitcoin per acquistare qualcosa in circa il 99.9% del commercio al dettaglio. Non è possibile acquistare quello che si vuole, quando lo si vuole, dove lo si vuole. Ci sono costi di ricerca: trovare qualcuno che vi venda qualsiasi cosa in cambio di bitcoin è molto raro.

Quando vi recate in un negozio e chiedete se è possibile acquistare qualsiasi cosa in cambio di bitcoin, il dipendente non saprà di cosa state parlando. Non esiste alcun registratore di cassa che converta bitcoin in denaro e poi rilasci una ricevuta per qualsiasi cosa abbiate appena acquistato. Pertanto, Bitcoin è vicino allo zero in quanto a commerciabilità.

Se invece siete alla ricerca di qualcosa di più concreto, allora magari potete decidere di far valutare l’oro o i gioelli che non utilizzzate più, recandovi nei vari negozi Compro Oro presenti in Romagna, ove sono specializzati nel ritiro e valutazione di Oro, Argento, Monete antiche e recenti, Orologi e Diamanti.

Tra i vari presenti in questa zona vi segnaliamo: Compro Vendo Oro Orfeo in Via Firenze a Forlì, Pianetaoro in via Via Flaminia Conca  9/a a Rimini, Montedoro Compro Oro in Via Marecchiese 157 a Rimini, oppure Non Solo Oro Compro Oro Cesena in Via Cervese 1134.

Biker tatuato e la sua motocicletta in stile bobber su strade cittadine

Reunion Rimini dal 12 al 14 Maggio

Reunion Rimini, il primo Motoraduno di motociclette americane realizzato per la prima volta a maggio 2015 in questa effervescente parte di Riviera è il sogno diventato realtà. Una che rappresenta pienamente lo spirito di unione, amicizia ed allegria che caratterizza il mondo più sano dei bikers, con la libertà nell’anima.

Un successo “strepitoso” già dalla prima edizione, confermato dal plauso e benestare dell’azienda di soggiorno del comune di Rimini e dell’assessorato al turismo nonché dal successo di pubblico, un pubblico eterogeneo dove l’incontro tra bikers e residenti è avvenuto in un clima di curiosità, allegria, buon cibo e bella musica, una splendida condivisione che solo la Romagna può rendere naturale.

Rimini viene invasa non solo dalle moto, ma da gente che ha voglia di abbracciarsi, vedersi, salutarsi di persona. Un’atmosfera d’altri tempi che coinvolge anche i passanti e l’intera cittadinanza, a dimostrazione dell’amore e della passione per le moto proprie di questa terra.

Dal 12 al 14 Maggio Rimini si trasformerà in un teatro ricco di spettacolo, pieno di eventi, stand, moto e bella gente.

L’evento, che coinvolge le più importanti case motociclistiche del mondo, tutte in demo ride e con i relativi Club, è cresciuto in questi anni sino a divenire un punto di riferimento europeo dei raduni moto. Tra gli elementi della manifestazione, 100 stand di merchandising per bikers con iniziative e appuntamenti a cura dei singoli stand;

Gastronomia romagnola e non solo, con la presenza di eccellenze provenienti da tutto il territorio nazionale e internazionale. Wall of Death: al centro della rotonda del Grand Hotel, una struttura dal diametro di 13 mt. ed alta ben 18 mt. proporrà l’esibizione del “Russian Devils Indian Sport Theatre Motordrome”, condotto dallo stuntman professionista Davide Terrenghi in arte “Dare Devil David”. Davide, di Varese, ha riportato a nuova luce questo muro della morte di provenienza russa del 1937 e lo ha ricondizionato e omologato.

Tanta musica dal vivo e dj set con numerose band: venerdì il country, sabato hard rock e domenica rock’n’roll. A coronamento degli eventi, la parata a cura di MAC di moto Harley e Moto Guzzi, auto americane e Jeep Italia che sabato 13, dalle ore 15, colorerà le strade di Rimini, partendo da Piazza Fellini, per poi proseguire sul lungomare in direzione Porto Canale, borgo San Giuliano e tornare attraversando il centro storico.

Inoltre, domenica 14 sarà interamente dedicata al rock’n’roll: il pomeriggio vedrà il villaggio Reunion animato da Charlie Rock insieme alle scuole di ballo Rock’n’Roll che accompagneranno una tappa del famoso Party Tour a tema anni 40-50-60 Be Vintage. La sera alle 14, poi, fresco dai successi televisivi dell’Edicola di Fiorello, Piazza Fellini ospiterà il concerto di Matthew Lee, uno straordinario performer, pianista e cantante innamorato del Rock’n’Roll, che ha fatto propri gli insegnamenti dei grandi maestri del genere.

Se dopo esservi dedicati ad un  pomeriggio di rock’n’roll, con canti e balli sfrenati, vi è venuto un po’ di appetito, allora per rinfrancarvi fate una sosta presso il bar ristorante Nord Cafè vicino al casello uscita Rimini Nord, dove potete degustare tanti piatti tipici della tradizione romagnola.